FESTA SANTUARIO CUORE IMMACOLATO DI MARIA

Annunci

1917 – 2017 CENTENARIO DELLE APPARIZIONI DI FATIMA E CENTENARIO DELLA ISTITUZIONE DELLA GUARDIA D’ONORE DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA

L’anno 1917 è profondamente segnato dalla prima guerra mondiale: il comunismo in Russia conquista il potere, le nazioni più potenti sono in guerra, le vittime sono numerose e dilagano povertà, lutto e disperazione. In quel medesimo anno l’Immacolata interviene nella storia della Chiesa e del mondo. Appare a Fatima il 13 maggio 1917 a tre fanciulli che andavano ogni giorno alla Cova da Iria a pascolare le pecore: Lucia, Francesco e Giacinta.

La Madonna invitò i tre pastorelli a tornare ogni 13 del mese per sei mesi consecutivi fino ad ottobre e chiese:

  • La consacrazione al suo Cuore Immacolato: “Gesù vuol stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato. A chi l’accetta, io prometterò la salvezza e queste anime saranno amate da Dio, come fiori collocati da me per ornare il suo trono”.
  • La pratica dei primi cinque sabati del mese: “Dì a tutti coloro che per cinque mesi, nel primo sabato, si confesseranno, riceveranno la Santa Comunione, reciteranno un Rosario e mi faranno quindici minuti di compagnia meditando sui misteri del rosario coll’intenzione di darmi sollievo, che io prometto di assisterli nell’ora della morte con tutte le grazie necessarie per la salvezza delle loro anime.”
  • La recita quotidiana del Santo Rosario: “Recitate il Rosario tutti i giorni per ottenere la pace nel mondo e la fine della guerra”.
  • Penitenza per la salvezza dei peccatori: “Sacrificatevi per i peccatori e dite spesso, ma specialmente nel fare qualche sacrificio: O Gesù, è per vostro amore, per la conversione dei peccatori e in riparazione dei peccati commessi contro il Cuore Immacolato di Maria”.

Il 13 maggio 1917, nel medesimo giorno e nella stessa ora in cui la Vergine appariva a Fatima, a Roma il Papa Benedetto XV consacrava Vescovo Mons. Eugenio Pacelli, che doveva trasferirsi a Monaco di Baviera come Nunzio Apostolico. La Provvidenza volle che il nuovo Nunzio scegliesse come suo confessore e direttore spirituale il francescano P. Bonaventura Blattmann O.F.M., il quale da tempo pensava ad una nuova associazione mariana per consacrare le persone al Cuore Immacolato di Maria. L’incontro tra queste due grandi anime mariane portò alla nascita della Guardia d’Onore del Cuore Immacolato di Maria.

Padre Blattmann spiegava con queste parole la natura della Guardia d’Onore: “Maria è la Regina del cielo e della terra e ad una regina spetta di diritto una guardia d’onore. In cielo questa schiera è formata dagli angeli e dai santi. Sulla terra tale guardia è costituita da tutti quei fedeli che si pongono, pieni di amore, intorno al suo Cuore materno”.

Chi si consacra al Cuore Immacolato di Maria, iscrivendosi alla Guardia d’Onore, deve ogni giorno offrire alla Madonna un’ora della giornata. Quest’ora viene chiamata Ora di Guardia,  si inizia e si termina con la recita della piccola Ave: “Ave Maria, piena di grazia, prega per noi Gesù”. Durante questo tempo si offre il proprio lavoro o la preghiera al Cuore Immacolato di Maria. Quando ci si dimentica di fare l’Ora di Guardia nel tempo stabilito, è bene farla in un’altra ora.

La sede nazionale della Guardia d’Onore per l’Italia e la Repubblica di San Marino è il Santuario Cuore Immacolato di Maria, sito nel Centro Mariano della nostra Repubblica. Durante tutto l’anno ogni 13 del mese, in ricordo delle apparizioni di Fatima, alle ore 20.00 si recita insieme il Santo Rosario e alle 20.30 si celebra in modo solenne la Santa Messa, seguita da fiaccolata e processione con la statua del Cuore Immacolato di Maria nel parco del Centro Mariano cantando le litanie alla Madonna.

Vi invitiamo a partecipare in modo particolare alle celebrazioni del prossimo 13 maggio 2017, ricorrenza del centenario delle apparizioni di Fatima e della fondazione della Guardia d’Onore del Cuore Immacolato di Maria (1917-2017).

 

I Frati Minori e i volontari del Centro Mariano nella Repubblica di San Marino

Per maggiori informazioni:

Direzione Nazionale Guardia d’Onore del Cuore Immacolato di Maria

Via delle felci, 1 Borgo Maggiore 47893 Repubblica di San Marino

Tel. 0549 902935

http://www.guardiadonore.wordpress.com

guardiadonore@omniway.sm

 

Clicca sul link sottostante per leggere e scaricare il Foglietto Bimestrale di Maggio 2017

FOGLIETTO BIMESTRALE CENTENARIO

 

Padre Augusto Savelli è tornato alla casa del Padre

Ieri 27 dicembre 2016 è tornato alla Casa del Padre il P. Augusto Savelli.

001 (2).JPG

P. AUGUSTO SAVELLI

Frate Minore del Santuario Cuore Immacolato di Maria di S. Marino

P. Augusto Savelli, il frate francescano e sacerdote, rettore del Santuario Cuore Immacolato di Maria in Valdragone di S. Marino, assai noto a tanti e tanti sammarinesi ed italiani, ha lasciato improvvisamente e inaspettatamente questo mondo per raggiungere l’altro, l’eterno e definitivo, alle ore 20.30 di martedì 27 dicembre 2016, presso il Santuario. Tutti coloro che lo conoscevano sanno quanto era forte la fibra e la tempra di quest’uomo grande nella fede e nello spirito, soprattutto recentemente testimoniati, dati i sintomi di un male che lo aveva colpito proprio alla gola, lui che amava diffondere con entusiasmo la Parola e dirigere il canto e la preghiera. Giovedì 29 dicembre 2016, alle ore 15.00. presso il Santuario Cuore Immacolato di Maria, si svolgeranno i funerali, sicuramente partecipati da tante e tante persone che lo hanno conosciuto, amato, apprezzato e …ora rimpianto per la sua dipartita.

Era nato a Corinaldo (AN), l’8 aprile 1945, da Sante e Anna Bonifazi, da una famiglia residente a S. Michele al Fiume del Comune di Mondavio (PU), ultimo di quattro fratelli, dopo Giuseppina, Carlo e Rita.

Ancora in età giovanile, è entrato nei Collegi serafici dei Frati Minori delle Marche ed è diventato Francescano nel 1965 e Sacerdote nel 1973.

È stato dapprima Parroco incomparabile e indimenticabile a Macerata, nella Parrocchia S. Francesco, dove ha profuso le sue più belle ed esuberanti energie giovanili, accompagnando tante persone ai momenti fondamentali della loro vita, quali il Battesimo, la Prima Comunione e la Cresima, il Matrimonio e i funerali, divenendo un padre ed un amico per tutti coloro che vivevano l’esperienza di una comunità che attorno a lui cresceva e si fortificava, ed aveva  in Lui il punto di riferimento, la sicurezza, la forza e la speranza.

Fu scelto, poi, come animatore delle missioni e sostegno dei missionari nel Convento S. Antonio di Potenza Picena (MC), prodigandosi instancabilmente per i frati missionari sparsi nel mondo, visitandoli più volte e raccogliendo per loro, per i lebbrosari e gli orfanatrofi, gli ospedali e le case di cura, offerte e regali di ogni genere. Anche lì prodigandosi instancabilmente per le varie necessità della Casa, e dei fedeli, divenendo per quel luogo un impareggiabile punto di riferimento, un animatore di varie iniziative e un porto di rifugio per consolare gli afflitti e i poveri del corpo e dello spirito. Ha svolto in tanti luoghi, con un entusiasmo contagioso e ammirevole, il ministero della predicazione e dell’annuncio della Parola del Vangelo, trascinando folle e fedeli alla devozione e alla fede. Ha suscitato tante iniziative pastorali infondendo fiducia e coraggio, ascoltando confessioni e confidenze senza numero, distribuendo abbondantemente la parola del padre e del pastore, dell’amico e del fratello, che sostiene e non abbandona mai, restituendo a tante persone la gioia della vita, la fiducia nella prova, il sostegno nella sofferenza, il coraggio nelle difficoltà.

L’ultimo immagineperiodo della sua vita l’ha trascorso nella Repubblica di San Marino, presso il Santuario Cuore Immacolato di Maria, in Valdragone. Dal 2002 è stato l’impareggiabile e indimenticabile rettore della Chiesa, Direttore e Padre delle migliaia di Guardie d’Onore del Cuore Immacolato di Maria sparse nel territorio sammarinese e italiano, l’Assistente della Fraternità dell’Ordine Francescano Secolare, suscitatore e realizzatore di tante iniziative di fede e di preghiera, restauratore della Chiesa, del piazzale e del parco, animatore del canto e della musica e di tante iniziative di carattere spirituale e pastorale, quali la Processione au flambaux del 13 di ogni mese, la settimana della Festa del Cuore Immacolato di Maria, la celebrazione quotidiana della Messa presso il Monastero S. Chiara delle Monache Clarisse, la mostra dei presepi e delle immagini della Madonna, il restauro e la collocazione nelle due chiese del Santuario di due grandi organi ottocenteschi. Con l’aiuto dei tanti amici e benefattori del Santuario, ha profuso ogni energia per dare vita ad una delle opere più significative sia del territorio della Repubblica che della Diocesi, felice di poter essere un porto sicuro di speranza per tutti coloro che si avvicinavano – ed erano sempre più numerosi – al Santuario per le confessioni e la guida spirituale, le celebrazioni e le devozioni, le confidenze del cuore, il conforto nelle lacrime, le benedizioni nella prova, la speranza nelle tante difficoltà familiari e umane che venivano affidate al suo cuore di padre.


Ha diretto migliaia di persone sulle strade della fede e della fiducia in Dio, è stato un vero padre amato e ricercato per la sua inesauribile disponibilità e la sua grande umanità e spiritualità. Chi lo incontrava una volta, difficilmente poteva poi staccarsene. Tutti hanno sentito la forza del suo cuore, la resistenza del suo animo, la grandezza della sua fede, la letizia e l’apertura solare del suo carattere, la disponibilità inesauribile del suo spirito.

Una grande perdita per i frati, per il Santuario e per la Chiesa; anche per questa terra, che potrà certo conservarne la memoria e ricordarne la grande levatura umana e spirituale di questo uomo resistente come le nostre rocce e tenero e dolce come i nostri fiori e le nostre acque.

I Frati Minori, di Valdragone, confratelli di Padre Augusto

RICORDI DEL 40° DEL SACERDOZIO:   padre-augusto  –  padre-augusto_2

CLICCA PER VISUALIZZARE IL PDF E LO SCRITTO

MARIA MADRE DELLA MISERICORDIA, PORTACI A GESU’: VIA, VERITA’ E VITA!

007-santuario1[1]“Non c’è miseria, sia pure vasta e umanamente disperata,
che non attiri la misericordia della Madre Immacolata.
Occorre solo lasciarsi attirare dal Cuore Immacolato e
rispondere con umile generosità alla voce della Madre,
seguirla, obbedirle. Eccomi, o Madre di misericordia, ai
tuoi piedi. Io sono un peccatore insolvibile, sono fango, ma
voglio diventare luce! Maria mi addita il suo Cuore, arca di
rifugio, sorgente di luce, forza e grazia.
Niente potrà più sgomentarmi, perché il Cuore di Maria è
il mio riparo sicuro, in Esso io trovo la vita, da Esso attingo
la forza per vivere secondo il Vangelo.”

Beato Gabriele M. Allegra O.F.M.

 

papa madonna
10

11
15

12

14

 

13

16

08.papa giovanni lucia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ALCUNI MINUTI CON MARIA

ALCUNI MINUTI CON  MARIA,  LA PIU’ DOLCE DELLE MAMMEImmagine viso madonnina nostra

Caro figlio, ti aspettavo.

Il desiderio di incontrarti era grande e sono felice oggi di stare in tua compagnia.

Prendimi per mano, vedi la mia mano, ecco la tendo verso di te. Tanto ti ho cercato e tanto ti ho amato. Ora siamo insieme e possiamo stare vicini in questi minuti preziosi.

Cosa c’è nel tuo cuore?

Confidami con la confidenza di figlio le fragilità e le tristezze del tuo cuore, le sofferenze che erano e sono nella tua vita, le difficoltà al lavoro ed in famiglia.

Non avere paura, io sono qui, sono la tua Madre pietosa.

Tutto conosco dell’umano agire, tutto comprendo dell’umano dolore, tutto posso guarire per l’amore che porto in seno per te. Parlami ancora, parlami dei segreti più nascosti, parlami degli istinti e delle tensioni che non hai mai rivelato a nessuno. Non avere paura, scopri il tuo cuore, lasciati andare.

Anche io ti scopro il mio cuore, ti rivelo il mio amore, la mia mano scopre il manto per mostrarti il mio cuore stretto da spine e rose. Prendi esempio da me e dalla fiducia che ho in mio Figlio Gesù tanto da scoprire il mio cuore di Madre per avvicinarmi di più al tuo cuore di figlio.

Vuoi un abbraccio?

Vedi, la mia mano nello scoprire il cuore ha teso il mantello azzurro creando una culla in cui, se vuoi, ti invito a rannicchiarti. Qui sei al sicuro, puoi piangere e sorridere, puoi essere te stesso, puoi riposare. Puoi ricevere quel calore e quell’accoglienza che tanto cerchi e rincorri ovunque.

Fermati qui e riposa nel mio abbraccio materno, appoggia il capo sul mio cuore e raccontami. Dove cerchi il senso della tua vita? Dove utilizzi energia e tempo durante la settimana? Rivolgi qualche pensiero a me e a Gesù mentre sei occupata nei tuoi lavori? Parlami con libertà, so ascoltare bene. Vedi come scopro il mio orecchio dal velo bianco che avvolge il mio capo? Inclino la testa perché desidero comprendere ogni tua parola, sostenere ogni tua confidenza, farmi coinvolgere dalle tue lacrime.

Cosa ti preoccupa?

Raccontami le angustie che ti tormentano, le ansie che arrotolano i tuoi pensieri, i dolori profondi che porti intensamente dentro di te. Parlami del tuo quotidiano, della tua famiglia e del lavoro. Rivelami ciò che più ti turba e ciò che maggiormente ti inquieta. Sono qui per te, sono qui per ascoltare. Il mio capo si inclina e si avvicina al tuo per sostenerti e renderti presente la mia vicinanza. Dimmi con fiducia ciò che ti assilla e spaventa, i miei occhi ti comprendono fin nel profondo.

Vuoi offrire qualche sacrificio?

Le sofferenze che stazionano nel tuo cuore possono fiorire in rose bianche come le spine appuntite che trafiggono il cuoremio cuore. Se vuoi, puoi offrire a Dio questi tuoi dolori, puoi offrirli per consolare il mio Cuore Immacolato e vedrai fiorire in essi un tesoro a te prima sconosciuto. Figlio mio, guarda il mio cuore, le spine e la spada fanno sanguinare la tenerezza del mio amore tante volte rifiutato dai miei figli.

Consolati e consolami.

Chiedi

Guarda i miei occhi, poni il tuo sguardo nel mio sguardo con fiducia e abbandono.

Sono tua Mamma, sono qui per te ed il mio amore sempre ti avvolge. Fammi ora qualche MANOrichiesta, domandami una qualche grazia per te, per un famigliare, per un amico o per una circostanza difficile. Confidami con fiducia ciò che posso chiedere per te al mio amato Figlio Gesù. Chiedi e chiedi tanto. Il mio amore per te è infinito, il luogo in cui oggi abito è infinito amore, Dio è infinito. Pertanto non temere, chiedi e chiedi molto. Affidati con fiducia al mio amore materno. Maggiore sarà la tua fiducia, maggiori saranno le grazie che il Signore concederà. Vuoi condividere con me qualche gioia? Cosa è cambiato nella tua vita dal nostro ultimo incontro?

Quale importante avvenimento ha segnato il tuo quotidiano?

Sorridi

Sorridi con me nella gioia. Tante le grazie che il Signore concede e tanto l’amore che oggi ti dona attraverso il mio cuore di Mamma. Le mie labbra si inclinano in dolce sorriso verso le guance rosate per sussurrarti ancora grazie di questi quindici minuti di compagnia. Ti aspetto con desiderio rinnovato nell’attesa del nostro prossimo incontro. Ora vai, procedi nelle tue occupazioni quotidiane con la serenità e la certezza del mio amore materno che ti segue e ti accompagna. Non temere e non angustiarti, agisci con la sicurezza di sapermi a te vicina. Con Gesù e Giuseppe affrontiamo la giornata insieme, tutto faremo a maggior gloria di Dio.

DIREZIONE NAZIONALE GUARDIA D’ONORE DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA

per richiedere libretto ‘Alcuni minuti con Maria’ o altro materiale (santini, preghiere, libretti) sul Cuore Immacolato di Maria, contattare la Segreteria

INDIRIZZO : 47893 BORGO MAGGIORE B-3 Via delle Felci, 1    REPUBBLICA DI SAN MARINO

Tel. 0549/902935

MAIL : guardiadonore@omniway.sm

FESTA AL SANTUARIO CUORE IMMACOLATO DI MARIA

Per una settimana festa, eventi, preghiera al Santuario Cuore Immacolato di Maria, sito nella Repubblica di San Marino, sede Nazionale della Guardia d’Onore del Cuore Immacolato di Maria.

In evidenza a seguire articolo INAUGURAZIONE ORGANO CHIESA SUPERIORE

festa santuario cuore immacolato di maria

FESTA CUORE IMMACOLATO DI MARIA 13-19 GIUGNO 2016

FESTA CUORE IMMACOLATO DI MARIA 13-19 GIUGNO 2016

festa2016 (1)

FESTA CUORE IMMACOLATO DI MARIA 8-14 GIUGNO 2015

 

INAUGURAZIONE ORGANO CHIESA SUPERIORE Ore 20.30 – 12 Giugno 2015

SAMSUNG CSC

Immagine viso madonnina nostra

inaugurazione organo 2015 Nuovo Documento di Microsoft Office Publisher