AMARE GESU’

Amare Gesù col Cuore dell’Immacolata e amare l’Immacolata col Cuore di Gesù!
Se Gesù vive in noi e noi in Lui, se nei nostri affetti, nei nostri pensieri, nelle nostre azioni siamo mossi, spinti dallo Spirito Santo, la cosa tutt’altro che impossibile, è possibilissima, come provano tanti esempi di sinceri, umili e devoti figli del Cuore Immacolato di Maria.

Dal libro ‘Cuore Immacolato di Maria via a Dio’ del Beato Gabriele Maria Allegra O.F.M.

 

 

280 nostra bandiera e tomba sicilia

Annunci

RIFLESSIONI MARIANE CON BEATO GABRIELE M. ALLEGRA NEL MESE DI MAGGIO

DAL LIBRO ‘CUORE IMMACOLATO DI MARIA, VIA A DIO’BEATO GABRIELE M. ALLEGRA E L'IMMAGINE DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA CHE TANTO AMAVA
Eccomi, o Madre di Misericordia, ai tuoi piedi…io sono un peccatore insolvibile, sono fango, ma voglio diventare luce! Ed ecco Maria mi addita il suo Cuore, arca di rifugio, sorgente di luce, forza e grazia.
Niente potrà più sgomentarmi, perché il Cuore di Maria è il mio riparo sicuro, in Esso io trovo la vita, da Esso attingo la forza per vivere secondo il Vangelo. Esso è luce, l’amabile luce che illumina il sentiero che devo percorrere per giungere alla casa del Padre.
Non solo: Esso è ancora una sorgente di inesauribile gioia e la gioia è mezza santità. Piango, sì, le mie colpe e i miei delitti passati, ma questo pianto è accompagnato da una dolce soprannaturale letizia. Rimango attonito per tanta amorosa compassione e piango per i molti anni e le molte grazie sciupate, ma piango soprattutto perché so di essere amato e di amare, e perché sento con ferma speranza che amerò per tutta l’eternità. La Madre Celeste ci attira al suo Cuore Immacolato, ci benedice, ci consola, piange di gioia con noi. Niente è impossibile a chi confida in Maria, a chi si riposa sul Cuore Immacolato. La Madonna ci comunica i sentimenti del Cuore di Gesù e del suo Cuore Immacolato per cui, senza accorgercene, ci si accosta alla Mensa Eucaristica, imitandola quando teneva in braccio o sul petto il Bambino Gesù o quando riceveva la Comunione dalle mani di San Giovanni; e si celebra o si assiste al Sacrificio della Messa imitando la Madre Santa, quando sul Calvario si offriva vittima con la divina Vittima.
A tale scuola di Maria si impara a conoscere davvero Gesù e lo Spirito di Gesù e Lei medesima: l’Immacolata Madre, il mistero della Chiesa, della comunione dei Santi e la grandezza dello Sposo verginale di Maria nonché capo della Sacra Famiglia: San Giuseppe.
Gesù nascosto sorpassa tutto e tutti nel rivelarci sua Madre, e l’Immacolato Cuore di Maria sorpassa tutto e tutti nel rivelarci Gesù.

Amare Gesù col Cuore dell’Immacolata e amare l’Immacolata col Cuore
di Gesù!

RIFLESSIONI MARIANE CON BEATO GABRIELE M. ALLEGRA NEL MESE DI MAGGIO

DAL LIBRO ‘CUORE IMMACOLATO DI MARIA, VIA A DIO’BEATO GABRIELE M. ALLEGRA E L'IMMAGINE DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA CHE TANTO AMAVA
Eccomi, o Madre di Misericordia, ai tuoi piedi…io sono un peccatore insolvibile, sono fango, ma voglio diventare luce! Ed ecco Maria mi addita il suo Cuore, arca di rifugio, sorgente di luce, forza e grazia.
Niente potrà più sgomentarmi, perché il Cuore di Maria è il mio riparo sicuro, in Esso io trovo la vita, da Esso attingo la forza per vivere secondo il Vangelo. Esso è luce, l’amabile luce che illumina il sentiero che devo percorrere per giungere alla casa del Padre.
Non solo: Esso è ancora una sorgente di inesauribile gioia e la gioia è mezza santità. Piango, sì, le mie colpe e i miei delitti passati, ma questo pianto è accompagnato da una dolce soprannaturale letizia. Rimango attonito per tanta amorosa compassione e piango per i molti anni e le molte grazie sciupate, ma piango soprattutto perché so di essere amato e di amare, e perché sento con ferma speranza che amerò per tutta l’eternità. La Madre Celeste ci attira al suo Cuore Immacolato, ci benedice, ci consola, piange di gioia con noi. Niente è impossibile a chi confida in Maria, a chi si riposa sul Cuore Immacolato. La Madonna ci comunica i sentimenti del Cuore di Gesù e del suo Cuore Immacolato per cui, senza accorgercene, ci si accosta alla Mensa Eucaristica, imitandola quando teneva in braccio o sul petto il Bambino Gesù o quando riceveva la Comunione dalle mani di San Giovanni; e si celebra o si assiste al Sacrificio della Messa imitando la Madre Santa, quando sul Calvario si offriva vittima con la divina Vittima.
A tale scuola di Maria si impara a conoscere davvero Gesù e lo Spirito di Gesù e Lei medesima: l’Immacolata Madre, il mistero della Chiesa, della comunione dei Santi e la grandezza dello Sposo verginale di Maria nonché capo della Sacra Famiglia: San Giuseppe.
Gesù nascosto sorpassa tutto e tutti nel rivelarci sua Madre, e l’Immacolato Cuore di Maria sorpassa tutto e tutti nel rivelarci Gesù.

Amare Gesù col Cuore dell’Immacolata e amare l’Immacolata col Cuore
di Gesù!

CAMERA BEATO GABRIELE ALLEGRA CONSERVATA IN CASA SAN GIUSEPPE RSM

Il P.Gabriele ha dimorato tante volte nella Casa Esercizi San Giuseppe Valdragone RSM quando ritornava dalla Cina. In questo luogo vengono conservati i suoi libri, la sua camera, i suoi vestiti, il crocifisso e l’immagine della Madonna che venerava con tanto amore. Era suo desiderio terminare i suoi giorni all’ombra del grande Santuario Mariano Cuore Immacolato di Maria, amministrando per la salvezza delle anime il sacramento della confessione e per “predicare il Vangelo sotto lo sguardo della Madonna a folle di uomini che, traditi e vessati dall’uomo, cercano un cuore di Madre, cercano la verità e la carità di Gesù, figlio di Maria”

Ecco a seguire le immagini della camera del Beato Allegra, conservata nella Casa Esercizi San Giuseppe RSM

Se desideri eseguire un pellegrinaggio a San Marino e visitare la camera del Beato Allegra, prendi contatti con la segreteria o via mail.

DSCN5175

 

DSCN5280

DSCN5265

 


 

PENSIERI MARIANI del Beato Gabriele M. Allegra O.F.M.

Sento che la Madonna dolcemente dirige la barchetta dell’anima mia verso il mio sogno, per vie sconosciutissime e impreviste. A me non resta che abbandonarmi a lei.

Per me la vita spirituale è la cosa più semplice: consiste solo nel vivere con la Madonna, come Gesù Amore.

Ti domando o Maria, o dolce mamma: la grazia del martirio,

di essere umile e obbediente e di vivere da vero francescano ignorato e sulla croce.

In questa terra pagana, accanto a idolotti di pietra e mostriciattoli di legno, noi passiamo seminando Ave Maria. Certo, in appresso, qualcosa nascerà.

Quando ho bisogno proprio del suo intervento, le dico: Mamma, cominciamo! Ovvero: io comincio nel tuo nome, sta a te di fare il resto! E se sapesse quanto sono audaci le mie speranze! Le dico: Mamma, per quest’anno ho bisogno di tanta carta, di tanti soldi, di tanti volumi … e tutto arriva.

Sì, io tocco con mano l’aiuto della Madonna.

La sede della sapienza (Maria) mi sta sempre davanti e alla sua soave presenza io scrivo.

Mi pare di aver trovato nel Cuore Immacolato di Maria tutte le grandezze, le perfezioni, la missione, il mistero, anzi tutti i misteri mariani.

Quando sono stanco vado in chiesa a visitare il Sacramento e a leggere qualche libro sulla Madonna: mi passa subito la stanchezza.

In tutti i vostri bisogni, angustie, perplessità ricorrete a questa buona Madre, che vi dice, come al contadino di Guadalupe ‘Venite a me, che sono sempre la vostra madre pietosa.

Ti domando o Maria, o dolce mamma: la grazia del martirio, di essere umile e obbediente e di vivere da vero francescano, ignorato e sulla croce.

 

Per opera dello Spirito Santo l’Immacolata Maria, concepì, generò Gesù, nostro Capo; per Esso Maria genera i membri del suo Mistico Corpo. Noi tutti fummo da Lei, nello Spirito Santo, gestati e partoriti alla vita eterna. Noi tutti Essa nutre, educa, forma affinché diventiamo immagini viventi del suo primogenito Gesù.

 

Nella Madonna si trova la pienezza di vita e di verità per tutti e chiunque aneli alla vita e alla verità, accostandosi a Lei sarà saziato.

 

 

Dobbiamo lavorare in Maria e per Maria, cioè vivendo nel suo Cuore e consacrati al suo Cuore, ché così non peccheremo; dobbiamo predicarla, farla conoscere e farla amare, ché così otterremo la vita eterna!

 

Il Crocifisso e l’Addolorata sono davvero la nostra indescrivibile, infinita ricchezza, la nostra ineffabile letizia, la ragione di tutta la nostra speranza, la sorgente indefettibile della carità.

 

 

Dio ha donato al mondo la sua infinita misericordia dandoci il Figlio suo Gesù per mezzo di Maria e continua ad effondere su di noi i doni del suo amore onnipotente per mezzo del Cuore materno e Immacolato di Maria.

 

La Madonna ci concede i beni temporali in quanto per essi possiamo raggiungere quelli eterni; ce li nega in quanto essi ci sono d’ostacolo al conseguimento di quelli, ovvero perché essi ben sovente ci impediscono di assomigliarci più perfettamente, più completamente a Gesù.

 

La Mamma di Gesù è la madre nostra e noi, ci pensiamo o no, siamo suoi figli.

 

La Mamma celeste si fida e vuol fidarsi sempre dei suoi figli.

 

Anche il peccatore più disperato, se pensa di amare la Madonna, se comincia la sua nuova vita consacrandosi a Lei, anche lui può diventare un amante di Gesù e della Mamma sua come san Giovanni Evangelista o santa Maria Maddalena.

 

La Mamma infonde nei nostri cuori lo spirito di un’umile e continua contrizione, ci conforta a sempre sperare, ci compatisce, ci consola, ci protegge, anzi si fida di noi.

 

I peccati, di cui ci si pente, possono accrescere la nostra contrizione, la nostra umiltà, la nostra fiducia e quindi, alla scuola della Madre di misericordia, possono essere sfruttati vantaggiosamente nella via dell’amore.

 

 

In qualunque stato l’anima si trovi, io credo che, volendosi dare a Dio e compiere davvero la sua volontà, la via più facile e più sicura sia quella di consacrarsi alla Madonna, al suo Immacolato Cuore.

Consacrandoci a Lei noi riconosciamo e accettiamo di fatto di essere suoi figli e suoi militi.

Consacrandoci a Lei noi Le facciamo donazione stabile di noi stessi e dei nostri beni, ci proponiamo di imitare e di rinnovare in noi la dipendenza di Gesù durante i nove mesi della sua gestazione, in quel secondo cielo che fu il seno dell’Immacolata, e durante la vita oscura e laboriosa di nazareth.

Consacrandoci alla Madonna noi vogliamo sentire nel nostro cuore quello che Gesù sentì nel suo quando, soprattutto nei misteri della sua Infanzia e della sua vita nascosta, volle sempre dipendere dalla sua Madre Immacolata.

 

Ad imitazione di Gesù Bambino, bisogna dipendere ogni momento e in tutto dalla nostra santissima Madre Maria.

 

Alla Madre si può dir tutto, alla Madre si può chiedere tutto. Si pososno raccontare a Lei le nostre miserie più umilianti e i nostri bisogni più stringenti. Possiamo intrattenerla sulla malattia di una persona cara e possiamo parlarle delle nozze di un fratello, di una sorella, dei figli.

 

Alla Mamma Celeste parlò di tutto, chiese tutto.

 

Il figlio che chiede alla Madre Celeste il dono dell’umiltà, la somiglianza col suo Cuore umilissimo, la fa sussultare di gioia! Giacchè in questo modo noi Le permettiamo di renderci conformi più presto all’immagine del suo Primogenito, il Signore Gesù. Non si pensi che si possa lasciare il peccato, praticare la virtù, esercitare l’apostolato senza l’umiltà. Essa è la disposizione fondamentale del cuore dei ver figli di Dio.

 

Tutto abbiamo ricevuto in dono, tutto ci è stato elargito dalla misericordia infinita del Padre Celeste, perché Egli ci ha amato sin dall’eternità del Figlio suo.

 

Pregare con umiltà, devozione e fiducia.

 

Nel Cuore di Maria c’è, vivente, Gesù.

 

Come Gesù, Maria è dolce e umile di cuore. Dopo Gesù, è la più grande umile, e quindi la più intrepida figlia del Padre, la sua più zelante glorificatrice, la sua eterna lode di gloria.

 

Che la Vergine umile ci faccia umili! E ricordiamoci che l’anima umile, è coraggiosa, intraprendente, forte, intrepida.

 

Gli umili possono tutto in Colui che li fortifica, sono strumenti dell’Amore Onnipotente, sono militi imbattibili della Immacolata e umile Regina dell’universo.

 

La mediazione di Maria fa parte della mediazione di Gesù e, come questa, sgorga dall’amore infinito del Padre.

 

L’azione santificatrice della Chiesa è la continuazione della materna mediazione di Maria.

 

Vestendo il Verbo di Dio del nostro uman velo, la Vergine gli diede la possibilità di divenire sacerdote e vittima.

 

Gesù desidera che noi ci diamo a compatire la Madre Crocifissa. Per Essa penetreremo più presto e più facilmente nel mistero della Croce, per Essa parteciperemo più generosamente alla Passione di Gesù, anzi ci daremo a compiere nella nostra carne quanto manca alla passione di Cristo in favore del suo mistico corpo che è la Chiesa.

 

O Madre dolcissima, tu ci cerchi instancabilmente, vorrei dire che ci insegui, con tutta l’amabile ed irresistibile forza del tuo materno amore!

 

O anima che leggi, forse oggi la Mamma Addolorate aspetta da te la conversione, la tua capitolazione! Hai assaporato l’amarezza del peccato, la delusione dei beni e degli onori di quaggiù, l’avvilente fumo dell’orgoglio. Arrenditi davanti alla Mamma tua, cui tante volte hai trafitto il cuore con le tue colpe. Essa ti ha sempre atteso, ti ha tanto atteso! Valle incontro, che ti vuole perdonare, benedire, abbracciare; poi, quando l’ora tua sarà giunta, vuol condurti a Gesù e renderti partecipe della gloria del suo sempiterno Regno!

 

Ti dibatti in una vita di tiepidezza e di compromessi. Hai paura del sacrificio, e perciò non gusti la dolcezza di essere figlio di adozione, figlio di Maria, erede del Cielo. Ti manca la forza, la decisione generosa, la fede viva.

 

 

 

 

 

 

PREGHIERA ALL’IMMACOLATA DEL BEATO GABRIELE M. ALLEGRA

SAN MARINO

O Madre Immacolata, dimmi chi sei, rivelami il tuo Nome!

Parlami di Gesù, l’Unigenito del Padre e tuo.

Dimmi pure cosa vuoi da me;

fammi la grazia di compiere sempre

quanto il tuo Cuore Immacolato desidera;

anzi concedimi di fare in esso, la mia perpetua dimora.

O Madre del Verbo, dissipa le tenebre della mia mente!

O Vergine purissima, virginizza il mio cuore!

O Vergine umile, dammi tenera contrizione e generosa forza!

O gloriosa Madre di Dio, uniscimi al Cuore di Gesù

nell’amore dello Spirito Santo, alla gloria del Padre,

per tutta l’eternità!

Amen.

Tuo sono, o Madre!

PREGHIERA ALLA SS.TRINITA’ PER OTTENERE GRAZIE

MEDIANTE L’INTERCESSIONE DEL BEATO

PADRE GABRIELE MARIA ALLEGRA O.F.M.

Eterno Padre, che hai fatto del P.GABRIELE ALLEGRA un esemplare perfetto di ogni virtù evangelica per la sua totale identificazione al tuo divin Figlio: umile, povero, crocifisso, DONAMI, per la sua glorificazione, la grazia che confidente imploro.

Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre

Eterno divin Figlio, per il valore infinito della tua Passione e Morte e per l’amore tenerissimo verso la Madre tua Addolorata e Immacolata, di cui P.GABRIELE ALLEGRA fu figlio amatissimo, tanto da poter esclamare: “fammi la grazia di compiere sempre quanto il tuo Cuore Immacolato desidera, anzi, concedimi di fare in esso la mia perpetua dimora”, per la sua glorificazione, DONAMI, la grazia che confidente imploro.

Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre…

Eterno divin Spirito, che hai colmato di doni singolarissimi l’umile P.GABRIELE ALLEGRA e ti sei servito di lui per far conoscere ai popoli dell’Oriente e al mondo intero le meraviglie del tuo amore, CONCEDIMI, per la sua glorificazione, la grazia che confidente imploro.

Padre nostro, Ave Maria, Gloria al Padre…

Con approvazione ecclesiastica

 

Per grazie ricevute scrivere al Direttore Nazionale Guardie d’Onore Cuore Immacolato di Maria P.Augusto Savelli via delle Felci 1, Valdragone 47893 Repubblica di San Marino – Telefono 0549 902935