FESTA SANTUARIO CUORE IMMACOLATO DI MARIA

Annunci

ALCUNI MINUTI CON MARIA

ALCUNI MINUTI CON  MARIA,  LA PIU’ DOLCE DELLE MAMMEImmagine viso madonnina nostra

Caro figlio, ti aspettavo.

Il desiderio di incontrarti era grande e sono felice oggi di stare in tua compagnia.

Prendimi per mano, vedi la mia mano, ecco la tendo verso di te. Tanto ti ho cercato e tanto ti ho amato. Ora siamo insieme e possiamo stare vicini in questi minuti preziosi.

Cosa c’è nel tuo cuore?

Confidami con la confidenza di figlio le fragilità e le tristezze del tuo cuore, le sofferenze che erano e sono nella tua vita, le difficoltà al lavoro ed in famiglia.

Non avere paura, io sono qui, sono la tua Madre pietosa.

Tutto conosco dell’umano agire, tutto comprendo dell’umano dolore, tutto posso guarire per l’amore che porto in seno per te. Parlami ancora, parlami dei segreti più nascosti, parlami degli istinti e delle tensioni che non hai mai rivelato a nessuno. Non avere paura, scopri il tuo cuore, lasciati andare.

Anche io ti scopro il mio cuore, ti rivelo il mio amore, la mia mano scopre il manto per mostrarti il mio cuore stretto da spine e rose. Prendi esempio da me e dalla fiducia che ho in mio Figlio Gesù tanto da scoprire il mio cuore di Madre per avvicinarmi di più al tuo cuore di figlio.

Vuoi un abbraccio?

Vedi, la mia mano nello scoprire il cuore ha teso il mantello azzurro creando una culla in cui, se vuoi, ti invito a rannicchiarti. Qui sei al sicuro, puoi piangere e sorridere, puoi essere te stesso, puoi riposare. Puoi ricevere quel calore e quell’accoglienza che tanto cerchi e rincorri ovunque.

Fermati qui e riposa nel mio abbraccio materno, appoggia il capo sul mio cuore e raccontami. Dove cerchi il senso della tua vita? Dove utilizzi energia e tempo durante la settimana? Rivolgi qualche pensiero a me e a Gesù mentre sei occupata nei tuoi lavori? Parlami con libertà, so ascoltare bene. Vedi come scopro il mio orecchio dal velo bianco che avvolge il mio capo? Inclino la testa perché desidero comprendere ogni tua parola, sostenere ogni tua confidenza, farmi coinvolgere dalle tue lacrime.

Cosa ti preoccupa?

Raccontami le angustie che ti tormentano, le ansie che arrotolano i tuoi pensieri, i dolori profondi che porti intensamente dentro di te. Parlami del tuo quotidiano, della tua famiglia e del lavoro. Rivelami ciò che più ti turba e ciò che maggiormente ti inquieta. Sono qui per te, sono qui per ascoltare. Il mio capo si inclina e si avvicina al tuo per sostenerti e renderti presente la mia vicinanza. Dimmi con fiducia ciò che ti assilla e spaventa, i miei occhi ti comprendono fin nel profondo.

Vuoi offrire qualche sacrificio?

Le sofferenze che stazionano nel tuo cuore possono fiorire in rose bianche come le spine appuntite che trafiggono il cuoremio cuore. Se vuoi, puoi offrire a Dio questi tuoi dolori, puoi offrirli per consolare il mio Cuore Immacolato e vedrai fiorire in essi un tesoro a te prima sconosciuto. Figlio mio, guarda il mio cuore, le spine e la spada fanno sanguinare la tenerezza del mio amore tante volte rifiutato dai miei figli.

Consolati e consolami.

Chiedi

Guarda i miei occhi, poni il tuo sguardo nel mio sguardo con fiducia e abbandono.

Sono tua Mamma, sono qui per te ed il mio amore sempre ti avvolge. Fammi ora qualche MANOrichiesta, domandami una qualche grazia per te, per un famigliare, per un amico o per una circostanza difficile. Confidami con fiducia ciò che posso chiedere per te al mio amato Figlio Gesù. Chiedi e chiedi tanto. Il mio amore per te è infinito, il luogo in cui oggi abito è infinito amore, Dio è infinito. Pertanto non temere, chiedi e chiedi molto. Affidati con fiducia al mio amore materno. Maggiore sarà la tua fiducia, maggiori saranno le grazie che il Signore concederà. Vuoi condividere con me qualche gioia? Cosa è cambiato nella tua vita dal nostro ultimo incontro?

Quale importante avvenimento ha segnato il tuo quotidiano?

Sorridi

Sorridi con me nella gioia. Tante le grazie che il Signore concede e tanto l’amore che oggi ti dona attraverso il mio cuore di Mamma. Le mie labbra si inclinano in dolce sorriso verso le guance rosate per sussurrarti ancora grazie di questi quindici minuti di compagnia. Ti aspetto con desiderio rinnovato nell’attesa del nostro prossimo incontro. Ora vai, procedi nelle tue occupazioni quotidiane con la serenità e la certezza del mio amore materno che ti segue e ti accompagna. Non temere e non angustiarti, agisci con la sicurezza di sapermi a te vicina. Con Gesù e Giuseppe affrontiamo la giornata insieme, tutto faremo a maggior gloria di Dio.

DIREZIONE NAZIONALE GUARDIA D’ONORE DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA

per richiedere libretto ‘Alcuni minuti con Maria’ o altro materiale (santini, preghiere, libretti) sul Cuore Immacolato di Maria, contattare la Segreteria

INDIRIZZO : 47893 BORGO MAGGIORE B-3 Via delle Felci, 1    REPUBBLICA DI SAN MARINO

Tel. 0549/902935

MAIL : guardiadonore@omniway.sm

FESTA CUORE IMMACOLATO DI MARIA 13-19 GIUGNO 2016

FESTA CUORE IMMACOLATO DI MARIA 13-19 GIUGNO 2016

festa2016 (1)

FESTA CUORE IMMACOLATO DI MARIA 8-14 GIUGNO 2015

 

INAUGURAZIONE ORGANO CHIESA SUPERIORE Ore 20.30 – 12 Giugno 2015

SAMSUNG CSC

Immagine viso madonnina nostra

inaugurazione organo 2015 Nuovo Documento di Microsoft Office Publisher

 

CORONCINA AL CUORE IMMACOLATO DI MARIA

007-santuario1[1]C – Cuore Immacolato di Maria, modello di fedeltà, nell’adempimento di tutti i doveri, fa che anch’io compia con la stessa prontezza e costanza i miei doveri verso Dio, me stesso e il prossimo.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

C – Cuore Immacolato di Maria, pieno di grazia, tabernacolo dell’Altissimo, fa che anch’io viva la vita della grazia; mi consideri quale tempio vivo dello Spirito Santo; fugga ad ogni costo il peccato e ripari con la contrizione e la penitenza le colpe passate.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

C – Cuore Immacolato di Maria, beato fra tutti per la tua fede nella parola di Dio, fa che io creda fermamente e con gioia a tutte le verità rivelate, e conservi gelosamente il tesoro della mia fede.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

C – Cuore Immacolato di Maria, in tutto e sempre conforme al volere di Dio, fa che anch’io non dimentichi mai che il mio fine sulla terra è quello di fare la volontà di Dio, qualunque essa sia e a qualunque costo.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

C – Cuore Immacolato di Maria, unita continuamentea Dio in una perfetta vita interiore, fa che io mi elevi a Dio con tutta l’anima nel raccoglimento e nella preghiera.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

C – Cuore Immacolato di Maria, profondamente umile, anche se Madre di Dio, ottienimi la grazia di riconoscere il mio nulla, di accettare le inevitabili umiliazioni della vita e di non cercare mai la lode umana.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

C – Cuore Immacolato di Maria ottienimi la grazia di amare quella purezza di cuore che Gesù proclamò vera beatitudine in terra, e indispensabile virtù per vedere Dio in cielo.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

C – Cuore Immacolato di Maria, mite come quello  del tuo divin Figlio, ottienimi la grazia di saper vincere ogni impeto d’ira, ogni risentimento di fronte alle difficoltà, contraddizioni e offese.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

C – Cuore Immacolato di Maria, sereno sempre  tra i più atroci dolori, ottienimi la grazia di ripetere nelle varie prove della vita il mio sì rassegnato e cristiano.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

C – Cuore Immacolato di Maria, esempio di ubbidienza all’autorità famigliare, religiosa e civile, fa che io ti imiti riconoscendo sempre nei miei legittimi superiori i rappresentanti di Dio.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

C – Cuore Immacolato di Maria, bontà materna verso i tuoi figli nelle loro necessità, fa che anch’io ami il mio prossimo come me stesso, non rifiutandogli mai il consiglio, la preghiera e l’aiuto.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

C – Cuore Immacolato di Maria la salvezza delle anime, fa che io pure senta lo spirito di apostolato per i peccatori e per gli increduli, e di compassione per le anime del Purgatorio, e lavori con tutte le mie forze a diffondere nel mondo il regno di Gesù Cristo.

T – O Madre mia, ascoltami ed esaudiscimi

PREGHIERA A MARIA DI PADRE BONAVENTURA BLATTMANN

Oh! Maria, canale della grazia,

Oh! Maria, Madre di bontà e di amore,

Oh! Maria, Madre della santa Sapienza,

Oh! Maria, luce della vera Fede,

Oh! Maria perfetto olocausto di amore,

Oh! Maria, Madre di misericordia,

Oh! Maria, tesoro di altissima santità,

Oh! Maria, perfettamente unita alla volontà di Dio,

Oh! Maria, o Cuore pieno di pace e di gioia!
Oh! Maria, figlia diletta del Padre Celeste,

Oh! Maria, Madre benedetta del Figlio di Dio,

Oh! Maria, Sposa amatissima dello Spirito Santo,

deh! uniscimi a Te!

PREGHIERA DI PADRE BONAVENTURA BLATTMANN

Con grande fiducia noi veniamo a Te, Madre di Misericordia, perché il tuo Cuore è il cuore compassionevole della mamma e le tue mani son mani di madre, che danno sempre, perché Tu sei l’onnipotente interceditrice presso il trono di Dio. In Te l’uomo più abbandonato e il peccatore più miserabile può fiduciosamente trovare rifugio, perché dal tuo cuore materno provengono su quanti ti supplicano nuove forze e novello coraggio.

PENSIERI MARIANI del Beato Gabriele M. Allegra O.F.M.

Sento che la Madonna dolcemente dirige la barchetta dell’anima mia verso il mio sogno, per vie sconosciutissime e impreviste. A me non resta che abbandonarmi a lei.

Per me la vita spirituale è la cosa più semplice: consiste solo nel vivere con la Madonna, come Gesù Amore.

Ti domando o Maria, o dolce mamma: la grazia del martirio,

di essere umile e obbediente e di vivere da vero francescano ignorato e sulla croce.

In questa terra pagana, accanto a idolotti di pietra e mostriciattoli di legno, noi passiamo seminando Ave Maria. Certo, in appresso, qualcosa nascerà.

Quando ho bisogno proprio del suo intervento, le dico: Mamma, cominciamo! Ovvero: io comincio nel tuo nome, sta a te di fare il resto! E se sapesse quanto sono audaci le mie speranze! Le dico: Mamma, per quest’anno ho bisogno di tanta carta, di tanti soldi, di tanti volumi … e tutto arriva.

Sì, io tocco con mano l’aiuto della Madonna.

La sede della sapienza (Maria) mi sta sempre davanti e alla sua soave presenza io scrivo.

Mi pare di aver trovato nel Cuore Immacolato di Maria tutte le grandezze, le perfezioni, la missione, il mistero, anzi tutti i misteri mariani.

Quando sono stanco vado in chiesa a visitare il Sacramento e a leggere qualche libro sulla Madonna: mi passa subito la stanchezza.

In tutti i vostri bisogni, angustie, perplessità ricorrete a questa buona Madre, che vi dice, come al contadino di Guadalupe ‘Venite a me, che sono sempre la vostra madre pietosa.

Ti domando o Maria, o dolce mamma: la grazia del martirio, di essere umile e obbediente e di vivere da vero francescano, ignorato e sulla croce.

 

Per opera dello Spirito Santo l’Immacolata Maria, concepì, generò Gesù, nostro Capo; per Esso Maria genera i membri del suo Mistico Corpo. Noi tutti fummo da Lei, nello Spirito Santo, gestati e partoriti alla vita eterna. Noi tutti Essa nutre, educa, forma affinché diventiamo immagini viventi del suo primogenito Gesù.

 

Nella Madonna si trova la pienezza di vita e di verità per tutti e chiunque aneli alla vita e alla verità, accostandosi a Lei sarà saziato.

 

 

Dobbiamo lavorare in Maria e per Maria, cioè vivendo nel suo Cuore e consacrati al suo Cuore, ché così non peccheremo; dobbiamo predicarla, farla conoscere e farla amare, ché così otterremo la vita eterna!

 

Il Crocifisso e l’Addolorata sono davvero la nostra indescrivibile, infinita ricchezza, la nostra ineffabile letizia, la ragione di tutta la nostra speranza, la sorgente indefettibile della carità.

 

 

Dio ha donato al mondo la sua infinita misericordia dandoci il Figlio suo Gesù per mezzo di Maria e continua ad effondere su di noi i doni del suo amore onnipotente per mezzo del Cuore materno e Immacolato di Maria.

 

La Madonna ci concede i beni temporali in quanto per essi possiamo raggiungere quelli eterni; ce li nega in quanto essi ci sono d’ostacolo al conseguimento di quelli, ovvero perché essi ben sovente ci impediscono di assomigliarci più perfettamente, più completamente a Gesù.

 

La Mamma di Gesù è la madre nostra e noi, ci pensiamo o no, siamo suoi figli.

 

La Mamma celeste si fida e vuol fidarsi sempre dei suoi figli.

 

Anche il peccatore più disperato, se pensa di amare la Madonna, se comincia la sua nuova vita consacrandosi a Lei, anche lui può diventare un amante di Gesù e della Mamma sua come san Giovanni Evangelista o santa Maria Maddalena.

 

La Mamma infonde nei nostri cuori lo spirito di un’umile e continua contrizione, ci conforta a sempre sperare, ci compatisce, ci consola, ci protegge, anzi si fida di noi.

 

I peccati, di cui ci si pente, possono accrescere la nostra contrizione, la nostra umiltà, la nostra fiducia e quindi, alla scuola della Madre di misericordia, possono essere sfruttati vantaggiosamente nella via dell’amore.

 

 

In qualunque stato l’anima si trovi, io credo che, volendosi dare a Dio e compiere davvero la sua volontà, la via più facile e più sicura sia quella di consacrarsi alla Madonna, al suo Immacolato Cuore.

Consacrandoci a Lei noi riconosciamo e accettiamo di fatto di essere suoi figli e suoi militi.

Consacrandoci a Lei noi Le facciamo donazione stabile di noi stessi e dei nostri beni, ci proponiamo di imitare e di rinnovare in noi la dipendenza di Gesù durante i nove mesi della sua gestazione, in quel secondo cielo che fu il seno dell’Immacolata, e durante la vita oscura e laboriosa di nazareth.

Consacrandoci alla Madonna noi vogliamo sentire nel nostro cuore quello che Gesù sentì nel suo quando, soprattutto nei misteri della sua Infanzia e della sua vita nascosta, volle sempre dipendere dalla sua Madre Immacolata.

 

Ad imitazione di Gesù Bambino, bisogna dipendere ogni momento e in tutto dalla nostra santissima Madre Maria.

 

Alla Madre si può dir tutto, alla Madre si può chiedere tutto. Si pososno raccontare a Lei le nostre miserie più umilianti e i nostri bisogni più stringenti. Possiamo intrattenerla sulla malattia di una persona cara e possiamo parlarle delle nozze di un fratello, di una sorella, dei figli.

 

Alla Mamma Celeste parlò di tutto, chiese tutto.

 

Il figlio che chiede alla Madre Celeste il dono dell’umiltà, la somiglianza col suo Cuore umilissimo, la fa sussultare di gioia! Giacchè in questo modo noi Le permettiamo di renderci conformi più presto all’immagine del suo Primogenito, il Signore Gesù. Non si pensi che si possa lasciare il peccato, praticare la virtù, esercitare l’apostolato senza l’umiltà. Essa è la disposizione fondamentale del cuore dei ver figli di Dio.

 

Tutto abbiamo ricevuto in dono, tutto ci è stato elargito dalla misericordia infinita del Padre Celeste, perché Egli ci ha amato sin dall’eternità del Figlio suo.

 

Pregare con umiltà, devozione e fiducia.

 

Nel Cuore di Maria c’è, vivente, Gesù.

 

Come Gesù, Maria è dolce e umile di cuore. Dopo Gesù, è la più grande umile, e quindi la più intrepida figlia del Padre, la sua più zelante glorificatrice, la sua eterna lode di gloria.

 

Che la Vergine umile ci faccia umili! E ricordiamoci che l’anima umile, è coraggiosa, intraprendente, forte, intrepida.

 

Gli umili possono tutto in Colui che li fortifica, sono strumenti dell’Amore Onnipotente, sono militi imbattibili della Immacolata e umile Regina dell’universo.

 

La mediazione di Maria fa parte della mediazione di Gesù e, come questa, sgorga dall’amore infinito del Padre.

 

L’azione santificatrice della Chiesa è la continuazione della materna mediazione di Maria.

 

Vestendo il Verbo di Dio del nostro uman velo, la Vergine gli diede la possibilità di divenire sacerdote e vittima.

 

Gesù desidera che noi ci diamo a compatire la Madre Crocifissa. Per Essa penetreremo più presto e più facilmente nel mistero della Croce, per Essa parteciperemo più generosamente alla Passione di Gesù, anzi ci daremo a compiere nella nostra carne quanto manca alla passione di Cristo in favore del suo mistico corpo che è la Chiesa.

 

O Madre dolcissima, tu ci cerchi instancabilmente, vorrei dire che ci insegui, con tutta l’amabile ed irresistibile forza del tuo materno amore!

 

O anima che leggi, forse oggi la Mamma Addolorate aspetta da te la conversione, la tua capitolazione! Hai assaporato l’amarezza del peccato, la delusione dei beni e degli onori di quaggiù, l’avvilente fumo dell’orgoglio. Arrenditi davanti alla Mamma tua, cui tante volte hai trafitto il cuore con le tue colpe. Essa ti ha sempre atteso, ti ha tanto atteso! Valle incontro, che ti vuole perdonare, benedire, abbracciare; poi, quando l’ora tua sarà giunta, vuol condurti a Gesù e renderti partecipe della gloria del suo sempiterno Regno!

 

Ti dibatti in una vita di tiepidezza e di compromessi. Hai paura del sacrificio, e perciò non gusti la dolcezza di essere figlio di adozione, figlio di Maria, erede del Cielo. Ti manca la forza, la decisione generosa, la fede viva.